Vetus Ordo

La Santa Messa del Summorum Pontificum

San Josemaria Escrivà

La celebrazione secondo il rito antico non è da vedersi in concorrenza con il Novus

Ordo determinato dalla riforma postconciliare, perché non è in dissonanza con la

Costituzione conciliare sulla liturgia Sacrosanctum Concilium. Inoltre, la messa

secondo il Vetus Ordo può contribuire a correggere gli abusi liturgici che purtroppo

continuano ad esserci. Contribuisce ad infondere il senso del sacro e

dell’adorazione a fronte degli orizzontalismi di alcune celebrazioni eucaristiche.

Contrapporre tra loro in modo reciprocamente escludente i due riti, ordinario e

straordinario, è inaccettabile in quanto vorrebbe dire contrapporre due Chiese e due

religioni diverse, rompendo la tradizione.

[Cfr «Messa in rito antico, un valore da non perdere» La nuova bussola quotidiana - 07/VIII/’13.]

È possibile consultare il Motu Proprio Summorum Pontificum visitando il sito del Vaticano.
Si celebra il Sabato mattinah. 10:00